spaccato di ruota di auto elettrica con motore integrato

 

[seguito di: L’auto elettrica per essere nuova non può avere solo un motore diverso! ]

 

Come indicato nella pagina che precede molte apparecchiature presenti nelle attuali automobili devono essere eliminate nei nuovi modelli e sostituite da collegamenti elettrici per l’immissione all’interno della ruota della corrente elettrica necessaria per i vari movimenti mentre tutti i collegamenti di trasferimento dei segnali possono essere trasmesse da computer a ruota mediante i comuni sistemi wireless (Bluetooth, Wi-Fi, ecc.) che potranno comandare le varie funzioni della ruota, come ad esempio:

  • la velocità di rotazione attorno al suo asse principale necessario per il moto,
  • il grado di rotazione attorno all’asse verticale per le varie funzioni di guida, parcheggio, ammortizzazione, ecc.

In altre parole tutti i movimenti della ruota godono della massima libertà e soprattutto della correlazione con il computer di comando.

Queste le caratteristiche che, in questa versione puramente immaginaria, il motore e la ruota che lo comprende, dovranno assumere:

  1. Ogni ruota ha il suo motore avente asse coincidente con l’asse ruota,

  2. nella parte radialmente estrema della ruota è presente un cerchione porta lo pneumatico  collegato solidalmente con il rotore del motore elettrico e pertanto destinato a ruotare assieme ad esso,

  3. il mozzo dell’asse ruota non gira su sé stesso e sostiene lo statore del motore elettrico anche esso non rotante ma solidalmente fissato alla carrozzeria portante.

 

[continua in: Le ruote dell’auto elettrica innovativa saranno evolute ]

 

autore: Marcello Meneghin

http://altratecnica.it

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Social media & sharing icons powered by UltimatelySocial