regolazione della pressione di esercizio degli acquedotti

L’introduzione di questa nota ha luogo facendo rilevare le seguente considerazioni di base:

1) in questi tempi di grande crisi economica sussiste un enorme dispersione di risorse cui non si vuole o non si é capaci di porre rimedio,

2) si tratta di una ghiotta occasione per i privati che, sostituendosi allo stato nell’assolvere un compito che sarebbe di competenza pubblica, coglierebbero una occasione d’oro per avviare una attività molto redditizia, potrebbero cioè approfittare di questa vera miniera d’oro oggi interamente disponibile,

3) in via subordinata si porrebbero le basi per risolvere una delle enormi crisi che attanaglierà il futuro della nostra società e cioè la incombente carestia d’acqua potabile dovuta all’aumento dei consumi specifici ed alla diversificazione del tempo atmosferico con volumi annui di pioggia in continua diminuzione.

 

continua in: Spieghiamo perché è necessario regolare la pressione di esercizio degli acquedotti

 

autore: Marcello Meneghin

http://tuttoacquedotti.it

http://altratecnica.it

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Social media & sharing icons powered by UltimatelySocial