ragioniamo sullo stato dell'arte della regolazione della pressione di esercizio degli acquedotti

 

I rimedi che i responsabili del servizio propongono sono dati prevalentemente dal rifacimento generalizzato delle reti acquedottistiche, attualmente in gran parte obsolete, ma reso inattuabile dalla mancanza dei fondi necessari per una colossale operazione del genere.

Viene allora raccomandato il risparmio idrico (da non confondere con la eliminazione degli sprechi) con il quale, anche se per assurdo fosse adottato dalla generalità degli utilizzatori degli acquedotti italiani, si otterrebbero risultati molto modesti ed inadeguati per risolvere il problema anche perché, in realtà, si tradurrebbe in un ulteriore aumento delle perdite occulte. Viene anche propagandato e spesso realizzata una tecnica chiamata “distrettualizzazione” con la quale si ottengono gli stessi risultati della proposta che sarà qui illustrata ma a prezzo di peggiorare enormemente la costituzione degli acquedotti. In altri termini si tratta di una metodologia corretta solo dal punto di vista teorico ma che produrrebbe danni maggiori dei vantaggi.

Sono anche da citare delle inveterate ed errate consuetudini sulla costituzione delle reti che contribuiscono notevolmente all’aumento delle perdite (vedasi la  nota: http://www.altratecnica.it/indicemiscellaneanuova/indiceacquedotti/anomalieuniversita.html).

Ciò che viene qui proposto si basa invece sulla regolazione razionale della pressione di funzionamento delle reti acquedottistiche con cui si otterrebbero immediatamente rilevantissime riduzioni della perdite anche e soprattutto nelle condotte ammalorate e senza, almeno per il momento, dover provvedere alla loro sostituzione.

E’ una attività da anni diffusa all’estero, con la quale una ditta specializzata provvede ad installare ed eventualmente a gestire delle apparecchiature di regolazione richiedendo come compenso una certa percentuale dei risparmi ottenuti nel reale esercizio degli impianti (vedasi ad esempio la nota:  http://www.altratecnica.it/indicemiscellaneanuova/indiceacquedotti/bbl_nov2005.html).

 

 Continua in: La conclusione sulla regolazionne della pressione di esercizio degli acquedotti

 

autore: Marcello Meneghin

http://tuttoacquedotti.it

http://altratecnica.it

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Social media & sharing icons powered by UltimatelySocial