cerchiamo un rifinitore

 

Di prassi distinguiamo la costruzione delle strutture dall’esecuzione delle finiture. Le lavorazioni, infatti, sono assai diverse, tanto che chi edifica muri e solai difficilmente realizza gli intonaci e viceversa, per non parlare di altri componenti, come gli infissi, che ben poco hanno in comune con il resto delle parti altrettanto necessarie.

Chi costruisce, nel senso già detto, è più interessato alla solidità, nel modo più ampio, chi rifinisce al dettaglio, perché la qualità di ciò con cui veniamo in contatto è fatto di cose estremamente piccole.

Non c’è giudizio, entrambi devono avere la qualità minima prevista dalla legge e quella specifica richiesta dal committente, che è disposto a pagare per averla. Diciamo che sulle strutture non si può risparmiare e le scelte che il padrone di casa può fare sono assai poche mentre quando si affronta l’aspetto del fabbricato e dei singoli locali i margini di intervento sono assai maggiori.

Anche a parità di prezzo le alternative non mancano, e se aggiungiamo che possiamo risparmiare da un parte per spendere maggiormente dall’altra significa che abbiamo davvero moltissime opzioni. Non tutte però, alcune soluzioni sono incompatibili, strutturalmente, non visivamente, e di questo bisogna tener conto, assolutamente. Non è un fatto di gusto ma di relazione tra struttura e finitura, che devono essere compatibili.

Quando cerchiamo un rifinitore i più comuni sono:

 

autore: Massimo Meneghin

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Social media & sharing icons powered by UltimatelySocial