depositiamo la Segnalazione Certificata di Inizio Attività

 

Come nel caso della DIA (Denuncia di inizio dell’Attività), di cui è parente stretto, il deposito della SCIA (Segnalazione Certificata dell’Inizio dell’Attività), è uno strumento che consente di intraprendere attività, nel nostro caso l’esecuzione di opere edili, senza attendere il completamento dell’iter amministrativo svolto dagli uffici tecnici comunali, che da istruttorio diviene ispettivo.

Se la documentazione è completa dellasseverazione di un tecnico e, solo in alcuni casi specifici, anche delle autorizzazioni degli enti preposti alla tutela di particolari aspetti quali la prevenzione degli incendi, il vincolo paesaggistico o monumentale e simili, diviene possibile iniziare i lavori contestualmente al deposito.

I vantaggi procedurali, con particolare riferimento alla tempistica, che si accorcia e diviene certa, sono sotto gli occhi di tutti. Non deve però essere né scordato né sottovalutato quanto già noto a proposito della DIA in relazione alla interpretazione delle farraginose norme urbanistiche, che tutto sono fuorché chiare ed applicabili in modo inoppugnabile.

Può sembrare strano, forse addirittura incredibile, ma è successo molte volte che il semplice avvicendarsi di tecnici istruttori abbia comportato, nella assoluta buona fede, il diverso esito di richieste di rilascio di Permessi di Costruire e lo stesso può avvenire per il deposito della DIA ed ovviamente pure della SCIA, come abbiamo visto pure nei tribunali, dove diversi giudici si esprimono in modo diametralmente opposto sullo stesso caso, il che non può non farci riflettere!

 

autore: Massimo Meneghin

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Social media & sharing icons powered by UltimatelySocial