rifiniamo la nostra casa con il pavimento

 

Il pavimento è un componente straordinario, oltre che estremamente importante, ve ne sono di mille tipi, di tanti materiali ed ognuno posabile in molti modi.

C’è la ceramica della nota produzione tradizionale oppure la pietra, cavata in natura o composta artificialmente, possiamo usare una delle tante essenze che il legno ci fornisce oppure una delle resine sintetiche prodotte dall’industria, non possiamo scordare il laterizio, che di solito chiamiamo “cotto, e pure il calcestruzzo, ormai uscito dall’ambito industriale, e si potrebbe continuare.

Ogni materiale è declinato in mille fogge, si distingue soprattutto per le caratteristiche dello strato in superficie (dall’aspetto alla rugosità, dalla durezza alla lucentezza, ecc.), per le dimensioni (quelle che vediamo dopo la posa ma anche lo spessore) e per le modalità di posa (in termini di disegno da formare e di tecnica da utilizzare).

Qualsiasi sia il nostro edificio la scelta del pavimento più adatto è perciò complessa, perché dobbiamo combinare la funzionalità (garantire l’uso sicuro) all’aspetto (la qualità esteriore che deve abbinarsi alle altre parti present), ed ovvimente pure la durata (legata alle sollecitazioni cui verrà sottoposta) ed al costo (come sempre aspetto non secondario), senza trascurare la manutenzione (richiesta periodicamente, compresa quella più ricorrente che è la pulizia).

 

autore: Massimo Meneghin

 

 

Social media & sharing icons powered by UltimatelySocial