rifiniamo la nostra casa con l'intonaco

 

Le murature vengono di prassi, e da sempre, ricoperte sul lato esterno con uno strato di finitura che le protegge dalle intemperie e ne migliora l’aspetto mentre sul lato interno viene steso un analogo strato per avere le pareti lisce.

E’ l’intonaco, frutto di una tradizione plurisecolare, presente in ogni zona con le proprie peculiarità, in termini di materiali utilizzati e di tecnica di stesura.

Possiamo avere quello steso a mano oppure applicato a macchina, in uno o più strati, di spessore più o meno grosso, colorato in superficie o in pasta, comprendente materiali naturali, quali il coccio pesto o la sabbia di fiume, ma anche artificiali, per l’isolamento termico, la superficie liscia, grezza o lavorata e via dicendo.

La finitura è estremamente importate, qualunque essa sia, imposta dai regolamenti locali o scelta in completa autonomia, non resta che deciderla insieme ai propri tecnici, applicatori e/o consulenti e…  farlo!

Non è semplicemente un fatto legato all’aspetto estetico, e quindi al “mi piace” oppure “non mi piace”, in altri termini non si tratta del semplice gradimento personale ma, quanto meno non tanto del colore ma della sostanza, di aspetti più sostanziali di quanto ci aspetteremo: il modo in cui “finiamo” le pareti è assolutamente determinante!

 

autore: Massimo Meneghin

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Social media & sharing icons powered by UltimatelySocial