il coordinatore per la sicurezza in fase di progettazione deve prevnire gli incidenti in cantiere

 

In ogni lavoro che preveda l’esecuzione di opere di una certa entità nelle quali si abbia la presenza, anche non contemporanea, di più imprese e/o lavoratori autonomi il Responsabile dei lavori deve nominare il Coordinatore per la sicurezza in fase di progettazione e pure quello per la successiva fase di esecuzionefigure che naturalmente possono coincidere, se possiedono i requisiti del caso.

Il primo di questi coordinatori deve essere incaricato fin dalle iniziali fasi di progetto della redazione della documentazione in materia di sicurezza in modo che, interfacciandosi con il progettista dell’opera e grazie alle competenze che la legislazione gli richiede, sia in grado di contribuire alla messa in atto di tutte le misure necessarie e sufficienti ad impedire il verificarsi di incidenti, misure che saranno formalizzate nel Piano di Sicurezza e Coordinamento.

Tale documento dovrà per tempo essere messo a disposizione delle imprese che effettueranno le opere. Queste, infatti, dovranno attenersi alle indicazioni qui elencate ed anzi su questa base redigere il proprio Piano Operativo di Sicurezza, che sarà quindi -di fatto- la specificazione delle stesse misure.

L’insieme di questi documenti dovrà essere conosciuto da coloro che materialmente opereranno in cantiere e sarà cura del coordinatore per la sicurezza in fase di esecuzione far sì che tutte le prescrizioni del caso siano effettivamente messe in pratica, con l’ovvio scopo di impedire danni fisici.

 

autore: Massimo Meneghin

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Social media & sharing icons powered by UltimatelySocial