la consulenza fiscale può essere utile o necessaria

 

La fiscalità riguarda -ovviamente- pure i beni immobili, con tutte le problematiche che questo comporta, in particolare quando nella costruzione e nella ristrutturazione e/o riqualificazione. Molte delle attività edilizie possono, infatti, beneficiare della riduzione delle imposte e di agevolazioni fiscali, opportunità che rendono particolarmente convenienti alcuni interventi.

Ovviamente la normativa che le ha istituite, e successivamente integrate e modificate, possiede un certa complessità e richiede il rispetto tassativo delle procedure codificate, non sempre conosciute nemmeno da professionisti, fornitori ed aziende coinvolte, spesso nemmeno dai tributaristi, perché più vicine all’edilizia che alla fiscalità.

Si tratta dell’applicazione di norme assai settoriali che sommano aspetti fiscali con altri urbanistici ed edilizi, sicuramente complesse e spesso contraddittorie, per cui sono richieste competenze specifiche nei due settori e soprattutto la capacità di riferire lo specifico intervento alla relativa casistica nelle due famiglie di norme.

Per questo motivo è caldamente consigliato farsi assistere nel modo più opportuno. Una buona consulenza fiscale acquisita fin dalle fasi iniziali consente di impostare correttamente il piano dei costi e dei relativi rientri, di applicare correttamente le procedure che consentono la detrazione, verificare in corsa ed a posteriori la correttezza del comportamento tenuto.

Naturalmente operando diversamente i margini di manovra sono assai diversi ed è tutt’altro che remota la possibilità di trovarsi a giochi fatti con l’impossibilità di usufruire dei benefici o, peggio ancora, con la contestazione dell’agevolazione di cui si è usufruito, meglio acquisire la consulenza fiscale!

 

autore: Massimo Meneghin

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Social media & sharing icons powered by UltimatelySocial