il progetto architettonico è il centro della progettazione

 

Nel processo che porta alla realizzazione delle opere edilizie il ruolo probabilmente più importante spetta al progetto architettonico. Questo non per un fatto di simpatia ma semplicemente perché è questo a dare forma all’edificio e di questa le altre tipologie di progettazione costituiscono in un certo senso la specificazione.

Si intende dire che estrema importanza ha il progetto strutturale, per l’ovvio motivo che la statica è imprescindibile, e così il progetto termotecnico, quello elettrotecnico e via dicendo, tutte cioè le progettazioni di settore che rendono possibile la realizzazione di opere sicure, comode ed efficienti, ma tutte non possono che riferirsi al progetto architettonico, che a sua volta deve far proprie le esigenze specialistiche.

Così definita l’attività non concerne più il disegno dell’edificio “bello” o che comunque piace al committente e rispetta le norme in vigore ma diviene un processo complesso che vede il coinvolgimento di tutte le figure necessarie dalla iniziale raccolta dei dati fino all’utilizzo dell’immobile e comprende molte fasi, nei tre classici gradi di approfondimento:

  1. progetto preliminare,
  2. progetto definitivo,
  3. progetto esecutivo.

La progettazione architettonica di quello che sarà il futuro edificio (residenziale, commerciale, direzionale, industriale, sportivo o altro che sia) consentirà così di dare soddisfazione ai bisogni e desideri del committente, che deve essere parte attiva, in ogni aspetto, dall’articolazione degli spazi all’estetica del fabbricato, dai tempi ai costi.

Operando in questo modo, cioè con la progettazione integrata, quella che coinvolge tutte le figure chiamate ad operare per l’esecuzione delle varie parti, il risultato sarà ancora migliore, in tutti i casi ed in tutte le fasi:

Il tutto con l’utilizzo delle tecniche del caso, i grafici, eseguibili anche tramite CAD, BIM e renderingma anche le relazioni.

Vista la complessità di cui si è detto, e a cui deve essere aggiunta quella relativa agli altri adempimenti diviene importante il nuovo ruolo del coordinatore, sorta di direttore d’orchestra del processo edilizio.

 

autore: Massimo Meneghin

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Social media & sharing icons powered by UltimatelySocial