anche l'impianto elettrico necessita del suo progetto

 

Nei nostri edifici, quelli in cui abitiamo, lavoriamo o altro, ma anche all’esterno, sono numerosissimi gli apparecchi alimentati dalla corrente elettrica: dall’illuminazione agli elettrodomestici, dagli apparecchi televisivi a quelli telefonici ma anche antifurto, reti trasmissione dati, audio, citofonia, sicurezza, televisioni a circuito chiuso, fotovoltaico, domotica e si potrebbe continuare.

Non può sfuggire perciò l’importanza di un buon progetto dell’impianto elettrico, quella capace di prevedere tutto ciò che serve e di dimensionare tutte le parti in modo da avere impianti completi, funzionanti, sicuri, comodi e dal corretto costo di installazione e gestione.

Solo l’analisi dei bisogni attuali ma anche futuri, la valutazione di quanto è disponibile sul mercato, la decisione di quale sia la tecnologia migliore per il caso specifico, la definizione dei componenti da installare e del modo in cui l’edificio dovrà essere alimentato e quindi “funzionare“ può darci quanto desideriamo e possiamo avere.

Oggi è già realtà il totale controllo dell’edificio a distanza, anche con gli smartphone, così come si è passati dalla logica dell’“acceso/spento” dei singoli apparecchi a quella per scenari”. Non è più un mito nemmeno la realizzazione di fabbricati autosufficienti dal punto di vista elettrico e che pertanto possono, in certi casi, non essere nemmeno allacciati alle reti di distribuzione della corrente.

 

autore: Massimo Meneghin

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Social media & sharing icons powered by UltimatelySocial