Lo spazio virtuale, la nostra presenza in rete, può -ed anzi deve- essere progettato. Vero che si può fare da soli. Non è nemmeno troppo complesso buttare qualcosa in rete e poter dire di esserci, altrettanto che vi sono diversi sistemi per migliorare il nostro aspetto con una spesa assai ridotta, quali l’uso di modelli già pronti, spesso assai belli e vistosi.

C’è perfino chi compera i “mi piace” ed i “followers”, dimostrando quindi -ma solo a se stesso- il proprio successo, ed anche chi ci garantisce il posizionamento al primo posto sui motori di ricerca, anche se non è chiaro cosa potrebbe succedere se due concorrenti si rivolgessero alla stessa agenzia per ottenere lo stesso primato!

Se consideriamo internet come una vetrina che vediamo solo noi, gongolandoci nel guardarci il sito dal pc, il nostro problema è legato alla bellezza del sito, con ovvio riferimento al nostro gusto per cui è bello solo quello che piace a noi. Nel caso si voglia invece sfruttare quello che la rete può darci il da farsi è del tutto diverso.

Un sito bello è migliore di uno brutto, ma questa deve essere l’ultima delle nostre preoccupazioni, internet è ben altro! Quello di cui abbiamo bisogno è un progetto e quindi ci serve un progettista, un’idea che possa rivelarsi vincente, ad esempio rivolgendosi ad un architetto del web che ci confezioni un progetto su misura! Qualche ragionamento, se non altro per iniziare, potrebbe essere fatto su:

  1. pro-gettare le basi,
  2. progettare l’immagine,
  3. progettare siti,
  4. progettare promozione on line,
  5. progettare pubblicità on line,
  6. progettarsi sui social network.

 

autore: Massimo Meneghin