social network per i luoghi

 

Alcuni social network sono specializzati sulla pubblicazione, cioè proprio sul rendere pubblico, notizie sui luoghi specifici.

Non si tratta della semplice evoluzione delle guide turistiche, che appunto raccoglievano informazioni ad uso del viaggiatore: cose belle da vedere, buoni alberghi e ristoranti. Qui troviamo tutto ciò, ma scritto da altri come noi che sono stati sul posto ed anche commenti e piccole informazioni su tutto ciò che può essere utile a chi, esattamente come noi, si ritroverà nello stesso posto.

I social per i luoghi, perciò, sono facili ed utili, a chi li usa perché si trova in un dato posto e vorrebbe, ad esempio, andare a prendere un buon caffè, magari evitando locali in cui lavori personale antipatico oppure cercando quello adatto a giovani, maturi, appassionati di musica o quant’altro.

Analogamente può essere assai importante per chi vuole farsi trovare da chi fosse nelle vicinanze, magari promuovendosi in qualche modo.

Questa sorta di guida interattiva, scritta dal basso ed in continua evoluzione, non ha forse avuto il successo che merita ma c’è da aspettarsi che in futuro venga finalmente apprezzata, e non solo temuta dai vari esercenti. Certo, perché specie nelle località turistiche famose per lo spennamento dei poveri turisti sempre di più sono quelli, anche avanti negli anni, che prima di entrare in un locale danno un’occhiata a questi social:

  • foursquare, dove sono presenti consigli e commenti sui posti visitati e da visitare lasciati da chi ci è stato,
  • swarm, per far sapere ai nostri amici dove siamo e conoscere dove sono loro.

 

autore: Massimo Meneghin

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Social media & sharing icons powered by UltimatelySocial