social network per le immagini

 

Immagini, immagini, immagini.

Non solo a corredo dei testi e soprattutto dei post, spesso il rapporto si inverte e sono le parole a fare da didascalia a quello che viene mostrato. Un poco come nei libri di fotografia, al massimo un’introduzione e qualche riga ad ogni scatto.

Una volta la macchina fotografica l’aveva solo il fotografo, poi qualcuno ed ancora dopo tutti, ma -reporter a parte- non l’avevamo sempre con noi. Ora che tutti i telefoni riprendono non c’è nulla che sfugga, semmai il problema è la condivisione, motivo che ha dato origine ai social per le immagini.

Sia chiaro che non vi sono solo le istantanee ma pure ben altro tipo di immagini, il sistema però non cambia più di tanto: non si legge ma si guarda, non si scrive ma si riprende (con la fotocamera, lo scanner, lo screenshot, il copia-e-incolla) e qualcuno pure produce immagini, con i software per la grafica, per la modellazione o altro.

Il giudizio che possiamo dare non è di un solo tipo. Il fascino dell’immagine è comunque intangibile, in tutti i campi, dall’attualità alla moda, dall’architettura alle altre forme di arte ma anche la cucina e via così fino all’infografica, che fonde contenuti e immagine.

I più noti tra questi social network sono:

  • instagram, dove pubblicare dallo smartphone le istantanee appena scattate,
  • pinterestdove organizzare in bacheche le (proprie) immagini (ma anche quelle degli altri).

 

autore: Massimo Meneghin

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Social media & sharing icons powered by UltimatelySocial