I nostri mini elaboratori, spesso se funzionano con certi sistemi operativi, sono soggetti nel tempo alla riduzione delle prestazioni, proprio come se nelle parti in movimento delle macchine vi fossero depositati dei materiali che producono attrito.

Naturalmente non è così, è solo una metafora, che credo restituisca bene l’immagine del problema, in realtà dovuto all’accumularsi di dati in  parte inutili ed in parte perfino dannosi e che pertanto è possibile rimuovere.

Già nei sistemi operativi vi sono programmi di utilità che cercano questi file e li eliminano ma vi sono software house che hanno prodotto software assai capaci di intervenire a vari livelli con migliori risultati.

Tra i più noti e diffusi ricordiamo:

  1. CCleaner,
  2. Wise Disk Cleaner.

Entrambi disponibili nella versione free -gratuita, limitata ma liberamente utilizzabile- ed in quella premium -completa ma a pagamento.

Con questi programmi è possibile cancellare i file temporanei e quelli rimasti dalle installazioni di software rimossi ma anche intervenire a livello del file di registro, nel quale spesso rimangono istruzioni di troppo che rallentano, ed a volte quasi bloccano, l’elaboratore. Recuperare spazio nell’hard-disk è, infatti, importante ma correggere errori nel file di registro lo può essere ancora più di più.

Vi sono pure programmi che agiscono più in profondità ma sono state segnalate pure anomalie legate proprio a questi interventi troppo invasivi così come non si può non segnalare come molti degli inviti che troviamo navigando e che ci consigliano di pulire immediatamente il pc sono vere e proprie truffe.

 

autore: Massimo Meneghin

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Social media & sharing icons powered by UltimatelySocial