usiamo i programmi gratuiti antivirus

 

La battaglia contro i virus è antica quanto i personal computer.

Da subito, da appena queste macchine sono entrate nelle nostre case e nei nostri uffici, hanno cominciato a diffondersi questi spiacevoli programmini che ne combinano di tutti i colori.

Dapprima il contagio avveniva tramite i floppy infetti che passavano di pc in pc, come novelli untori, nascosti in file e/o programmi di qualche utilità, come i software piratati, o attrattiva, è il caso dei giochi.

Evidente l’escalation che si è avuta con la connessione ad internet, troppo facile mandare mail all’impazzata e diffondere su scala mondiale il proprio malevolo lavoro, magari tenendo sotto scacco l’intera popolazione attiva su internet.

Il rimedio non ha tardato a presentarsi, dopo il virus ecco l’antivirus. E’ noto trattarsi di programmi sempre attivi, che scansionano l’intera attività del pc per scoprire se c’è del materiale non autorizzato e neutralizzarlo. Ovvia la rincorsa, l’evoluzione dell’uno comporta la contromossa dell’altro.

Il mercato è zeppo di proposte a pagamento e non. In quest’ultimo caso si tratta di versioni limitate, liberamente utilizzabili per la valutazione del prodotto e l’acquisto della versione completa, più performante.

Come sempre, specie nel nostro paese, le opinioni si sprecano: da chi giura che i virus non esistono a quelli che sostengono come vengano immessi in rete dai produttori degli antivirus, da chi afferma siano migliori quelli gratuiti a chi non rinuncia alla massima sicurezza possibile peraltrro sborsando pochi euro al mese.

Ognuno la pensi a modo proprio, per chi volesse provare i software gratuiti non c’è che l’imbarazzo della scelta, personalmente dopo che qualche virus ha forato l’antivirus free sono passato a quelli a pagamento ma in un pc ho utilizzato a lungo Avast nella versione gratuita, continuo a farlo, come del resto diversi miei conoscenti, e nessuno ha avuto modo di pentirsene.

Che sia questo od un altro l’importante è che avvenga l’aggiornamento di continuo, meglio se automaticamente, visto che le nuove minacce sono diventate il pane quotidiano.

 

autore: Massimo Meneghin

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Social media & sharing icons powered by UltimatelySocial