usiamo programmi gratuiti per il CAD

 

Il disegno tecnico, quello che un tempo si faceva con riga e squadra, più tardi usando il parellelografo (righe montate su cavi che le fanno rimanere parallele pur muovendosi, anche se in una sola direzione) e successivamente tramite il tecnigrafo (tavolo attrezzati con sistemi per disegnare su tutta la superficie del suo piano), da alcuni decenni avviene tramite l’elaboratore elettronico con i programmi per il CAD.

Saltata la manualità, sono rimasti solo i contenuti, il CAD (Computer Aided Design) è la metodologia di lavoro che consente di disegnare con l’aiuto dell’elaboratore. Il successo è indiscutibile, vuoi per la precisione oppure per la comodità del trattare gli stessi dati alle varie scale, per verificare con facilità e rapidità le varie possibilità ma anche per le purtroppo necessarie varianti.

Il processo appena indicato è ormai maturo, nulla è più nuovo, compreso l’identificazione dei leader di mercato e degli standard che la fanno da padrone. Non è questa la sede per ragionare sul costo di questi software (e perché, soprattutto negli anni scorsi il prezzo in Italia e all’estero fosse così diverso…) e su come –ciò malgrado– ci sia stata una loro sconfinata diffusione, anche e soprattutto in modo non lecito, tollerato se non favorito…

La novità oggi, o meglio dell’ultimo periodo, è la maturazione di programmi alternativi, che lavorano in modo analogo (consentendoci di non cambiare il modo di fare acquisito), con gli stessi formati di file (garantendo la compatibilità e quindi l’interscambio con gli altri operatori) e soprattutto in modo gratuito (il che, specie oggi, non guasta).

Tra i più diffusi programmi per il CAD, quasi nuovi leader tra le alternative, impossibile non segnalare:

 

autore: Massimo Meneghin

Un pensiero su “Usiamo i programmi gratuiti per il CAD

  • settembre 9, 2017 alle 2:18 pm
    Permalink

    C’è un aspetto secondario del programma di disegno tecnico ma, a mio avviso, molto importante: esso può servire per risolvere in maniera rapida e precisa problemi geometrici anche complessi fornendo esattamente gli stessi risultati che un tempo si raggiungevano molto laboriosamente usando le regole della geometria analitica e dell’algebra. Siccome tutti i dati grafici delle figure geometriche che si tracciano sullo schermo con un buon programma di cad nella memoria del computer sono definiti da equazioni analitiche, è sufficiente immettere i dati sempre con ELEMENTI numerici per poter poi ricavare dalla figura grafica qualunque dato supplementare.
    La cosa appare più chiara con un esempio. Se io traccio a video il segmento A-B battendo le coordinate analitiche dei due punti A e B ed in maniera analoga anche il segmento C-D, nella realtà il calcolatore ha memorizzato le due equazioni che rappresentano analiticamente anche le due rette che passano rispettivamente per ognuna delle due coppie di punti. Se voglio ora trovare le coordinate esatte del punto di incrocio delle due rette basta che immetta il comando cad “raccorda” per determinare tale punto e per poterne leggere le coordinate analitiche esatte. Interessante il confronto del lavoro da fare senza il cad: bisogna ricavare analiticamente l’equazione delle due rette, metterle a sistema e risolvere il sistema con le regole dell’algebra: i due risultati sono identici ma il lavoro al CAD è estremamente più veloce.
    L’esempio descritto riguarda figure a due dimensioni. La stessa procedura può essere seguita con i solidi a tre dimensioni nelle quali risulta molto complesso il calcolo di distanze o angoli con le regole della geometria analitica mentre con il CAD si risolvono in brevissimo tempo.
    Il procedimento risulta molto utile per il tracciato sul terreno sia di opere complesse e di grandi dimensioni e sia di oggetti in laboratorio per i quali è possibile determinare distanze e angoli di costruzione dell’oggetto nello spazio e da usare in laboratorio per la costruzione dell’oggetto stesso.
    Maggiori dettagli possono essere letti nell’articolo “L’UTILIZZAZIONE DEL CAD PER LA RISOLUZIONE ANALITICA DI ALCUNI PROBLEMI“ all’indirizzo http://goo.gl/M6Y8BX

    Rispondi

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Social media & sharing icons powered by UltimatelySocial