usiamo un calendario, programma gratuito per la gestione del tempo

 

Gli strumenti per la gestione del tempo non sono pochi. Spesso figli della cultura ottocentesca, come agenda e calendario, vivono una nuova giovinezza grazie agli strumenti informatici.

Ogni elaboratore, piccolo o grande che sia, ma anche i più vecchi telefoni cellulari, hanno un calendario, abbiamo quindi la possibilità di segnare gli impegni e le scadenze. Ovvia la differenza tra il vecchio calendario, da muro o da tavolo, o la vecchia agenda, sempre con noi, ed il parallelo con il nuovo calendario nel pc da scrivania e quello nello strumento portatile, tablet e/o smartphone.

Ancor più importante è però la sincronizzazione tra gli strumenti per cui abbiamo un solo calendario ovunque, indipendentemente da strumento e luogo. E’ questo il modo migliore di fare, affatto complesso ed assai utile.

Tutti i maggiori protagonisti del digitale offrono i propri strumenti, gratuiti ed integrati nelle apparecchiature che acquistiamo. I patiti di Google possono perciò utilizzare gCal, chi utilizza i Mac sfrutta invece iCal, chi si è abituato ad usare Windows probabilmente usa Outlook, ed ovviamente le alternative non mancano.

Al di là di alcune modeste differenze i sistemi sono analoghi, ci consentono di appuntare impegni e scadenze, e grazie alle loro funzioni essere davvero più operativi, ad esempio invitando in automatico gli altri partecipanti alle riunioni indette o ricordandoci il da farsi, anche in modo ricorrente, con l’anticipo richiesto.

Non credo che chi provi ad utilizzare davvero uno di questi calendari possa farne a meno, potrei perfino scommettere…

 

autore: Massimo Meneghin

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Social media & sharing icons powered by UltimatelySocial