usiamo Bamboo paper, programma gratuito per gli appunti

 

 

Per prendere appunti un tempo usavamo quelli che chiamavamo notes o bloc-notes, successivamente spazzati via dai pc portatili e soprattutto dagli smartphone. Sembra, infatti, che pressoché ogni tipo di annotazione non possa che avvenire digitalmente.

Con i tablet, però, stiamo forse assistendo ad una inversione di rotta. Parziale naturalmente ma si torna ad usare la penna e la mano libera.

Molto si può fare, di nuovo ma anche come si faceva un tempo. Se le tastiere di oggi riconoscono la scrittura possiamo scrivere come facevamo con la biro, in corsivo, e quindi ritrovarci il testo digitato dove ci serve, ad esempio in un wordprocessor, ma qui ci interessa la possibilità di scrivere e disegnare proprio come facevamo noi, a questo punto “vecchi”, un tempo.

I software non mancano, tra i tanti segnaliamo Bamboo paper in quanto gratuito, disponibile pressoché per tutte le più diffuse piattaforme, capace di organizzare il nostro lavoro in quaderni, ognuno con la propria copertina, ma anche di archiviare e condividere quanto abbiamo segnato.

Facile scaricare il programma dal sito del produttore , ancora di più utilizzarlo e, previa una semplice registrazione, registrare online il nostro lavoro, per rivederlo con le nostre altre apparecchiature o con altre persone.

Da fare!

 

autore: Massimo Meneghin

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Social media & sharing icons powered by UltimatelySocial