usiamo il web per le istanze catastali gratuite

 

Le banche dati sono, ovviamente, ricchissime di… dati e quindi anche, se la statistica non è un’opinione, di errori. Il catasto è una di queste entità, forse la più nota, qui sono catalogati tutti i beni immobili, perciò sia i terreni che i fabbricati, ognuno con le proprie caratteristiche qualitative e quantitative, oltre che, naturalmente, i dati degli intestatari dei diritti sui beni stessi, per motivi fiscali.

La necessità di rettifica dei contenuti dei registri di cui stiamo trattando è frequente, malgrado siano decenni che i notai, i professionisti, i diretti interessati ed ovviamente  pure gli uffici preposti correggono errori su errori.

Che fare in questi casi, quando cioè nella registrazione dei nostri beni c’è un errore? Naturalmente c’è caso e caso, se l’area su cui giace un condominio risulta essere un vigneto si dovrà capire se la necessaria documentazione è stata presentata o meno, nel primo caso farla trattare, in caso contrario redigerla adesso. Quando però siamo in presenza di errori materiali o comunque di modesta entità spesso -non sempre- è possibile chiedere che l’ufficio provveda alle rettifiche del caso. Allo scopo nel sito dell’Agenzia Entrate è presente una procedura che consente al titolare di farlo online, accedendo alla specifica pagina, compilando quanto richiesto ed inoltrandolo telematicamente, senza recarsi presso gli uffici, e quindi dovendo dedicare/perdere tempo o altro, presentando semplicemente la specifica istanza al catasto.

 

autore: Massimo Meneghin

Social media & sharing icons powered by UltimatelySocial