facciamo il progetto del cartello da cantiere

 

I cantieri devono essere recintati, per motivi di sicurezza, e se sono ubicati in zone di una certa importanza e devono durare è opportuno curarne il decoro.

Famosi i casi dei cantieri di opere celeberrime, ubicate nei centri più famosi, ove numerosissimi turisti si recano a vedere e fotografare, quale occasione migliore per proporre loro di portarsi a casa il logo -e non solo- di qualche azienda, che peraltro contribuisce al costo del restauro?

In altri casi invece c’è chi ha giocato con la prospettiva, riproducendo sul ponteggio l’immagine dell’edificio retrostante ma in alcuni casi fingendo squarci sulle murature che consentivano di vedere l’interno, sicuramente con effetto, se non altro di sorpresa.

Più modestamente pure a me è capitato, tra le altre, di avere l’occasione di pensare ad un cartello da cantiere e di progettare le opere provvisionali per la recinzione dello stesso. Come successo in molti casi abbiamo pensato di spiegare a chi dovesse venirsi a trovare in loco quali erano le opere in progetto, facendo diventare la recinzione una vera e propria mostra all’aperto, completa di immagini ed apparato didascalico illustranti la storia del luogo, come era un tempo, come è oggi e come sarà domani. E’ un’idea semplice, forse banale ma di sicuro un modo utile per informare i cittadini.

 

autore: Massimo Meneghin

Social media & sharing icons powered by UltimatelySocial