fincatura tqvole di progetto

 

Se il termine “architetto” significa “capocostruttore” il riferimento al mondo delle costruzioni è evidente, palese ed irrinunciabile. Pure il progetto che determina la forma dell’edificio viene comunemente definito con la specificazione “architettonico“, per distinguerlo da quello strutturale ed impiantistico, di norma presenti. Meglio sarebbe però parlare di progetti di edilizia, perché relativi alla costruzione nel senso tradizionale del termine.

Anche chi scrive in passato lo ha fatto e tuttora progetta interventi edili, pressoché di ogni tipo. Non si tratta però di prodotti imposti al committente, come -per suo merito e fortuna- può succedere solo a pochi progettisti, di conclamata fama e quindi divenuti onnipotenti.

Il progetto in questo caso è di natura specifica, non sull’autore ma sul destinatario. Pur nell’estrema sintesi il concetto dovrebbe essere chiaro: ogni lavoro è storia a se. Il senso pertanto di pubblicare progetti, o meglio parti di questi, senza spiegare il contesto appare privo di senso, quanto meno a parere di chi scrive, ed avventurarsi in narrazioni lunghe e pesanti sarebbe sicuramente fuori luogo.

Quello che viene proposto in questa sezione è perciò solo un accenno, meno di un esempio. Lo scopo è solo elencare la tipologia e ribadire un modo di operare, che dovrebbe essere chiaro in tutto il sito: affrontare in maniera aperta i problemi che si presentano e fornire di volta le possibili soluzioni, scegliendo quella ritenuta più opportuna, insieme al Committente!

Alcuni esempi di progetto di edilizia:

 

autore: Massimo Meneghin

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Social media & sharing icons powered by UltimatelySocial