l'ideazione non è un mito ma

 

Ogni problema ha la sua soluzione, anche più di una, in molti casi, ma non è detto che sempre quelle codificate (se …. allora…) siano le migliori: certo i protocolli per le riparazioni (anche degli umani) prevedono che si agisca in un certo modo ma il vivere di persone che siano davvero tali potrebbe/dovrebbe richiedere qualcosa in più: a mali estremi estremi rimedi, dice qualcuno, per cui potremmo dire a problema specifico soluzione specifica!

Se questo è vero, e purtroppo -o meglio per fortuna- lo è, molte volte possiamo ripetere le precedenti esperienze, nostre o altrui, ma a volte no, o meglio sarebbe opportuno non replicare. La differenza è -evidentemente- tra l’accettare di percorrere le strade note, senza sforzo ma anche con risultati modesti, oppure sperimentare, soprattutto se stessi, mettersi in gioco e cercare la soluzione migliore, senza (o con meno) preconcetti, senza (o con meno) paura delle critiche di chi non vede se non ciò che conosce.

Se un poco di coraggio, misto al giusto orgoglio e ad una certa consapevolezza e modestia ci assistono si potrà dare inizio ad un iter progettuale vero e proprio, il quale non può che iniziare dalla raccolta delle problematiche e dei desiderata, dall’analisi del luogo in cui si interviene, dall’esame delle normative vigenti e normalmente pure con l’elaborazione delle prime possibili soluzioni, di solito tramite sommari schizzi volti all’abbozzo delle soluzioni ai requisiti da soddisfare, sia a livello dell’insieme che del dettaglio: l’ideazione, la somma di idea e azione, prende forma si prepara a confrontarsi con la realtà.

 

autore: Massimo Meneghin

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Social media & sharing icons powered by UltimatelySocial